PHOTOGALLERY by Egidio Magnani

sabato 26 gennaio 2008

Bari – Gino Paoli e i Fantastici Quattro … Rea, Rava, Bonaccorsi, Gatto


Novità assoluta per la Camerata Musicale Barese che ieri sera ha presentato all’auditorium della Guardia di Finanza di Bari Gino Paoli per un insuperabile ‘incontro jazz’.

Non hanno bisogno di presentazioni, ma solo di essere ascoltati, Gino Paoli intramontabile cantautore e raffinato interprete di un linguaggio denso di poesia e sentimento che per questo appuntamento dismette il suo abito tradizionale e lega la sua voce ad un insuperabile quartetto jazz d’eccezione tutto italiano.

Danilo Rea, pianista incredibile, motore creativo negli arrangiamenti e negli assoli superlativi , Enrico Rava, con la sua tromba è forse il musicista Italiano più apprezzato a livello internazionale, dotato di un lirismo e di una creatività unica, Roberto Gatto si distingue oltre che per un interessante ricerca timbrica, e un impeccabile tecnica esecutiva, da un grande calore tipico della cultura mediterranea rendendolo uno dei batteristi e compositore più interessanti in europa, Rosario Bonaccorso un musicista di grande comunicazione , dotato di uno spirito improvvisativo originale, uno stile che ci riporta alla tradizione dei grandi bassisti della musica afroamericana rivisitato con freschezza, grande maturità e personalita'.

Un evento ‘live’ dove gli accordi, la musica, i suoni la fanno da padrone, dove alcuni tra i brani più celebri di Gino Paoli vengono spogliati di volta in volta per essere poi rivestiti di tessuti differenti e pregiati, talento e personalità.

‘Time after time’ un classico del jazz apre la serata trasformato in un gioiello dalla voce di Paoli, subito dopo il grande successo ‘Sapore di mare’, ad una super swingante ‘La Gatta’, e ancora senza un attimo di pausa ad ‘Vivere ancora’, ‘I fall in love’ alla stupenda ‘Senza fine’, e non si fermano, si alternano contribuendo ognuno con la propria creatività ed estro a personalizzare ogni brano.

‘Quando’, ‘Che cosa c’è’, ‘I shold care’, la toccante e drammatica ‘Sassi’, e la canzone che fa sognare ‘Il cielo in una stanza’, una pausa, tocca a Roberto Gatto presentare i suoi amici ricordando simpaticamente l’imitazione che recentemente Fiorello ha introdotto nel suo repertorio di un grande trombettista di nome Fava (Enrico Rava), e immancabile e a gran richiesta i bis che con ‘My funny Valentine’ e ‘Una lunga storia d’amore’ hanno chiuso una splendida e indimenticabile serata di musica ad alto livello.

Nessun commento: