PHOTOGALLERY by Egidio Magnani

domenica 6 maggio 2007

I "Campionati Mondiali di Attività Subacquea" si svolgeranno a Bari dal 28 luglio al 5 agosto 2007


Dopo 10 anni dai Giochi del Mediterraneo – spiega Elio Sannicandro, assessore allo sport del Comune di Bari – un altro evento di caratura internazionale torna a Bari, quello dei “Primi Campionati del mondo di sport acquatici” che si svolgeranno dal 28 luglio al 5 agosto, organizzati dalla CMAS “Confederazione mondiale delle attività subacquee.Un opportunità di ospitare atleti provenienti da circa 50 nazioni e come 10 anni fa, non sarebbe male riproporre lo stesso slogan di allora “Bari nessuno è straniero”, tema a noi molto caro.Lo sport è il veicolo di comunicazione tra i popoli è un valore educativo e l’amministrazione lo affiancherà con una serie di iniziative collaterali che coinvolgerà la città e i giovani delle scuole per costituire un momento di crescita”.“Avvicinare la gente al mare ad un mare pulito – spiega Vito Lorusso presidente Club sommozzatori Bari, è uno dei tanti motivi di crescita che come iniziativa collaterale intendiamo perseguire per tutelare appieno questo elemento naturale attraverso la proiezione di diaporami e l’esposizione di foto che mostrano i nostri fondali e la nostra fauna e flora marina, scattate dai soci del club. Foto che saranno esposte al Fortino della città, e il ricavato della loro vendita andrà a sostenere un’associazione benefica”. “La parola sport si può declinare con la parola ambiente – sostiene Gugliemo Minervini assessore allo sport della Regione Puglia - perché lo sport è un attrezzo multifunzionale, dall’attività prettamente ludica può passare alla promozione del territorio, e la ricaduta positiva in termini del territorio c’è già”.La scelta di Bari è sicuramente un risultato positivo, visto che per organizzare i giochi si erano proposte città come Montecarlo, Sharm El Sheikh, Palma di Maiorca e Lignano Sabbiadoro. Ma grazie alla tenacia di Achille Ferrero, presidente CMAS è riuscito a far ricadere la scelta degli organizzatori sulla nostra città. Ha spiegato le varie discipline che andranno dal :- nuoto pinnato che si disputerà nella piscina comunale, la prima piscina bioclimatizzata in Europa, mentre il nuotopinnato sulla lunga distanza nel bacino nautico del Barion;- apnea dinamica, sempre in piscina e con l’uso di monopinna o con le due pinne;- jump bleu nuova disciplina sempre in apnea ad una profondità di 10 mt. Dove gli atleti dovranno nuotare attorno ad un quadrato e vince chi impiega la maggiore distanza;- hockey subacqueo dove gli atleti muniti di una mazza un po’ più piccola di quella dell’hockey tradizionale dovranno segnare nella porta avversaria.- Rugby subacqueo le due squadre dovranno segnare non nella porta avversaria come è il rugby tradizionale ma in un canestro.Per questa occasione c’è stata la richiesta di inserire altre due attività sportire quella della:- Lotta subacquea, disciplina aggiunta perché richiesta sia dalla Russia che da Israele;- Orientamento subacqueo, dove occorre percorrere un tragitto in fondali a scarsa visibilità anche con l’ausilio di bussole e di un contametri.Come si può notare la fantasia è sempre al lavoro.Achille Ferrero in questa occasione rilascerà anche 4 brevetti per immersione a 4 non vedenti dell’associazione Albatros – Progetto Paolo Pinto (indimentiabile primatista del mondo di gran fondo di origine barese).“Molte famiglie di atleti da tutte le parti del mondo desiderano accompagnare i loro cari in Puglia, conclude Michele Cantalice, presidente Comitato Organizzatore Bari – perché hanno sempre sentito parlare della Puglia e vogliono cogliere l’occasione per conoscerla. E con questo spirito che il comitato si sta muovendo, si è convenzionato con il collegio studentesco per ospitare circa 600 atleti, con il presidente Di Matteo dell’AMTAB che darà l’uso di 4 bus snodati per il trasporto degli atleti e sicuramente cercheremo di pattuire accordi con gli albergatori per la sistemazione dei parenti.La mostra fotografica allestita al Fortino di Bari sarà un preevento del meeting sportivo e nel contempo ancge un punto di aggregazione tra gli atleti e la città per farsi conoscere e per far conoscere queste discipline sportive”.Con questa manifestazione sportiva Bari avrà gli occhi puntati da tutte le parti del mondo, una Olimpiade subacquea, che ci farà conoscere come città di accoglienza, dove per l’appunto nessuno è straniero.
Anna deMarzo

Nessun commento: