PHOTOGALLERY by Egidio Magnani

domenica 18 marzo 2007

XXVII edizione di Expo Arte - Fiera del Levante di Bari


E’ iniziata ieri 16 marzo e terminerà lunedì 19, la XXVII edizione di Expo Arte, manifestazione dedicata all’Arte Moderna e Contemporanea che si svolge presso la Fiera del Levante di Bari.Un appuntamento che ogni anno riesce ad attirare tanti visitatori poiché col tempo è riuscita ad acquisire un ruolo primario sia sul campo nazionale che su quello internazionale, esponendo quadri di grandi maestri del movimento artistico del cubismo, dell’astrattismo del dadaismo e della pop art.Così è facile poter ammirare quadri di Picasso, De Chirico, Chagall, Mangritte, Gattuso e Andy Warhol.Ma accanto a questi nomi prestigiosi non sfigurano giovani artisti che espongono le loro opere attraverso il settore dell’arte Contemporanea.Bari in questo periodo sembra avere un legame preferenziale con la Russia e lo si nota anche nel visitare l’edizione 2007 di questa Expo-Arte.Ad aprire la manifestazione artistica è la rassegna dell’arte russa dalla rivoluzione di Ottobre al crollo del muro di Berlino.Sono esposte ben 80 opere che racchiudono un periodo che va dal 1919 al 1989, suddivise in tre sezioni: Pittura (su tela, catone e cartoncino), satira (con vignette satiriche anche di Boris Efimov, vignettista preferito si Stalin, che quest’anno compirà 107 anni) e propaganda politica.E’ suggestivo apprezzare gli artisti russi come Nikolaj Karahan, uno dei più importanti artisti uzbeki del 900, o Fedorov, che descrivono momenti di vita quotidiana come la “Raccolta del cotone” o “Ritorno dai campi” con pennellate delicate o paesaggi russi dove al verde della campagna in lontananza si possono vedere le vestigia del potere industriale che avanza, così sapientemente miscelati si intravededono le torri delle ciminiere o i bracci girevoli delle gru.In contrapposizione a tanta delicatezza fa eco l’esposizione della sezione satira e propaganda politica, con opere celebrative del successo del partito comunista. Protagonisti indiscussi di queste opere sono lo Stato, i contadini, operai, cortei celebrativi e parate militari. Curioso è stato trovare in questa sezione il manifesto del film “Bellissima” di Luchino Visconti con l’immagine di Anna Magnani, rigorosamente scritto in cirillico.
Anna DeMarzo

Nessun commento: